Il nostro 1927. Roma ferita, compie gli anni Sbardella

Sbardella Roma

Lunedì 17 ottobre 1927. La Roma si lecca le ferite dopo aver incassato la prima sconfitta della sua breve vita (2-1 a Novara), all’ottava gara tra amichevoli e partite ufficiali (esclusi gli impegni della formazione riserve). Nella classifica del girone B della Divisione Nazionale la formazione allenata da William Garbutt è ora seconda a 5 punti, appaiata proprio al Novara, a due lunghezze dalla capolista Inter, vittoriosa 2-1 sul Modena (per i nerazzurri a segno anche Fulvio Bernardini su rigore).

IL PICCOLO SBARDELLA, GIALLOROSSO PER POCO
Compie due anni Antonio Sbardella, nato il 17 ottobre 1925 a Palestrina, che diventerà arbitro internazionale, con 167 partite dirette in Serie A e 77 in Serie B tra il 1958 e il 1971. Dopo aver appeso al chiodo la giacchetta nera, è stato assunto come direttore sportivo della Lazio. Nel corso della stagione 1973-74, proprio mentre i biancocelesti si avviavano a vincere lo scudetto, Sbardella fu protagonista di un clamoroso passaggio alla Roma di Anzalone, ma il matrimonio si ruppe dopo poche settimane: l’ex arbitro, in disaccordo con il presidente giallorosso e con tanti tifosi che gli rinfacciavano il suo passato laziale, stracciò un contratto da 30 milioni di lire all’anno il 1° febbraio 1974.

Antonio Sbardella Roma

Antonio Sbardella durante la sua carriera da arbitro

Nella prima foto, all’inizio dell’articolo: una formazione della Roma nel 1927-28.

Dicci la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.